E se i banchieri di Wall Street fossero una tribù?

liquidated

Karen Zouwen Ho, Liquidated: an Ethnography of Wall Street, Duke University Press, 2009, 392 pp, 12£ su Amazon.co.uk

Nulla sembra più lontano dei banchieri di Wall Street dai campi usuali di indagine praticati dagli antropologi. Da un lato i rappresentanti del vertice globalizzante di processi e contenuti caratterizzati dalla immaterialità, dalla astrazione, dalla razionalità applicata, dalla quantità e dal potere vero. Dall’altro una disciplina che è sempre locale, prevalentemente qualitativa, radicata negli aspetti ‘materiali’ e nella vita quotidiana, concentrata su gruppi quasi sempre marginali e fuori dal flusso della modernità.

Naturalmente le cose sono andate cambiando, per i banchieri di Wall Street come per gli antropologi. I primi hanno subito qualche non banale scossa temporanea al loro status, prestigio e potere. I secondi da più tempo si sono accorti della modernità, delle élite di potere e delle organizzazioni complesse.

Karen Ho insegna antropologia all’Università del Minnesota (USA), ma nella sua vita precedente aveva lavorato per un gigante finanziario di Wall Street e fatto ricerca su varie banche. Questa volta ha pensato di applicare i concetti, gli strumenti e l’approccio dell’antropologia proprio agli ex ‘suoi’ banchieri.

Lo ha fatto da antropologa: ascoltando, guardando con occhi da straniera, raccogliendo con pazienza frammenti e materiali di ogni genere, e mettendoli poi insieme in un ritratto complessivo della loro cultura.

Il risultato è questo bel libro, ispirato dai modelli di Bourdieu, e malgrado ciò vivo e potente. A volte difficile, ma fa capire molte cose del delirio di gruppo che ha prodotto parte della crisi che stiamo vivendo.

Karen Ho, Università del Minnesota, parla del suo libro

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*