L’analisi del mood può misurare l’arrivo di una seconda crisi economica?

L’economia mondiale subirà a breve un’altra crisi? Questa sembra essere la domanda che più affligge gli economisti di tutto il mondo.

Per misurare il mood del mercato finanziario Sentiment News ha ideato il “US Sentiment Index”, indice per rilevare dalle news la fiducia nelle aziende dell’indice Standard & Poor’s, paniere azionario formato dalle 500 società statunitensi a maggiore capitalizzazione. Utilizzando la tecnologia di RavenPack, il US Sentiment Index analizza il testo su migliaia di articoli in tempo reale.

Con dei test retrospettivi a partire dal 2005, l’indice mostra i ribassi del mercato azionario, suggerendo che è in grado di predire i cambiamenti repentini del mercato con 3 mesi di anticipo.

Dopo una lieve flessione di 3 punti nel mese di marzo, l’indice cresce per 3 mesi consecutivi, segnalando il miglioramento della fiducia nel mercato statunitense. A giugno 2010, l’indice sale sopra 74 punti per la prima volta da agosto 2007, e raggiunge un valore di 77 punti. Se si guarda agli anni precedenti, quando il US Sentiment Index raggiunge tale livello, l’indice S&P 500 cresce per i 12 mesi successivi.

Il recente incremento dell’indice è supportato da un miglioramento del mood delle notizie nel mese di giugno in tutti i settori industriali. Negli ultimi 3 mesi, il mood positivo più elevato è per il settore dei servizi pubblici, seguito da telecomunicazioni e società che forniscono materie prime. Anche se positivo, il mood sui beni di consumo e sulla tecnologia è più basso rispetto agli altri settori.

Possiamo definire l’indice di Sentiment News come un tentativo coraggioso di misurare il mercato finanziario, che sembra essere fuori da qualsiasi logica di prevedibilità. Tuttavia, analizzando solo le notizie si lasciano fuori tutte quelle informazioni che non vengono comunicate al pubblico e che probabilmente sono più significative per capire l’andamento dell’economia. E bisogna sempre tener presente che i sistemi automatici di misurazione del mood sono soggetti ad errori di valutazione piuttosto significativi.

Inoltre è facile mostrare la validità del proprio strumento con un’analisi retrospettiva dei dati. Restiamo a vedere se l’economia americana crescerà per i prossimi 12 mesi…

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*