Yes, credibility. La precaria credibilità del sistema dei media

È uscito un nuovo libro che parla di mass media e, soprattutto, del legame, sempre più a maglie larghe, tra questi ultimi e i “destinatari” del messaggio comunicativo.

Paolo Scandaletti, giornalista e professore, e Michele Sorice, docente e direttore del Centre for Media and Communication Studies “Massimo Baldini”, analizzano in queste pagine il crollo delle vendite di quotidiani.

Sottolineano la mancanza di fiducia dei lettori verso la deontologia professionale del giornalisti, l’assoluta consapevolezza dell’assenza di affidabilità verso ciò che si legge, il pregiudizio di cattiva fede nei confronti di articoli che vanno così reinseriti in una struttura di comprensione personale che riadatta, rilegge  e, in un certo senso, riscrive l’articolo.

Un rapporto sulla credibilità del sistema dei media in Italia che sembra la degna conseguenza della “decodifica aberrante” di echiana memoria: il rifiuto del messaggio per delegittimazione dell’emittente e la cosiddetta guerriglia semiologica.
Che sia solo un problema italiano?

Paolo Scandaletti e Michele Sorice, Yes, credibility. La precaria credibilità del sistema dei media, Centro di Documentazione Giornalistica, 2010, 319 pp.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*