Come il pulsante "mi piace" di Facebook influenza il traffico Web

Nell’ultimo anno, Facebook è stato l’indiscusso protagonista del Web, soprattutto per merito del pulsante “mi piace” che ha generato una vera e propria rivoluzione del traffico in Rete: lanciato ad aprile, è ora diffuso su più di due milioni di siti web, dall’informazione generalista ai siti di e-commerce.

L’analisi dei Facebook’s Developer Network Insights mostra che il pulsante “mi piace” è un fattore che influenza in maniera considerevole il clickthrough rate, il tempo trascorso su di un sito e altre metriche di coinvolgimento.

Ad esempio, chi utilizza il “mi piace” ha di solito il doppio degli amici su Facebook. Ma soprattutto queste persone cliccano 5 volte di più sui link esterni rispetto agli utenti tradizionali.

Da quando è stato lanciata l’integrazione con Facebook, molti portali di notizie hanno riportato un grande incremento di traffico: ABC News del 190%; Gawker del 200% e Sporting News addirittura del 500%. In pratica Facebook è diventata la seconda sorgente di traffico dopo Google.

E gli utenti che arrivano da Facebook sembrano essere anche più interessati ai contenuti della pagina: NHL.com sostiene che le pagine viste per utente sono aumentate del 92%,  il tempo medio sul sito dell’85%, i video visti dell’86%.

Fonte: Mashable

1 Commento su Come il pulsante "mi piace" di Facebook influenza il traffico Web

  1. Utile questo pulsante, l’ho configurato però purtroppo non riesco ad avere su FB le statistiche dei click complessivi, anzi proprio nessuna statistica a dire il vero!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*