La reputazione del Blackberry tra le vittime dei disordini nel Regno Unito.

Una particolarità delle agitazioni che hanno infiammato le metropoli inglesi ad inizio agosto è quella di non aver utilizzato i soliti Twitter o Facebook per coordinare gli attacchi, bensì il servizio di messaggistica dei telefonini di Research In Motion, Blackberry Messenger.

Brandwatch ha rilevato un’impennata delle citazioni del marchio Blackberry su Twitter, da 1500 a 8000 al giorno, e un aumento corrispondente della percentuale di post negativi, dal 16% al 24%.

Fig. 1 – La visibilità di Blackberry ai primi di agosto

A incidere negativamente sull’immagine di RIM non è stato solo il ruolo dei Blackberry nell’organizzazione degli scontri, ma anche la sua successiva collaborazione con le autorità inglesi per reprimere le violenze, che ha provocato attacchi al blog dell’azienda da parte di hacker vicini ai rivoltosi.

Fig. 2 – L’attacco degli hacker al blog di RIM

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*