Nielsen Online Campaign Ratings™: l’efficacia delle ads online

Da metà agosto Nielsen ha fatto partire un monitoraggio che giorno per giorno analizza le prestazioni di numerose campagne di pubblicità online: Nielsen Online Campaign Ratings™.

Queste analisi hanno dato vita a due report diversi, ma strettamente interconnessi: Reaching the Right Audiences Online: Early Findings from Nielsen Online Campaign Ratings e Beyond Clicks and Impressions: Examining the Relationship Between Online Advertising and Brand Building.

Gli studi hanno portato a risultati interessanti da cui partire per offrire consigli reali agli editori: conoscere i propri utenti, in modo tale da saper indirizzare strategie di ads adatte; provare e riprovare l’efficacia delle proprie campagne pubblicitarie, per capire quali azioni siano da conservare e quali debbano essere corrette; pensare al media mix, per costruire ads che non siano mono-canale, ma riprogettate secondo una costruzione pubblicitaria cross-mediale ed incrociata tra nuovi e vecchi media.

Molte le opportunità anche per gli advertisers che devono mirare più sull’efficacia e sul monitoraggio delle proprie attività. Tendenzialmente, da quando la pubblicità online si è proposta come più redditizia rispetto a quella sui media tradizionali, si è messa da parte la segmentazione demografica (basilare per TV, radio etc etc) preferendo altre forme di suddivisione del mercato, che però hanno portato a raccogliere le impressions di consumatori che non rientrano nel segmento di target dei brands.

Si raccolgono milioni di impressions, ma solo una piccolissima parte è importante: big impressions counts don’t mean high reach, mentre, al contrario,  in alcuni casi, le online campaign risultano più efficaci di quelle televisive.

Il secondo report analizza il problema da un differente punto di vista. Gli advertisers pensano sempre più al mondo online come ad un luogo in cui costruire i loro marchi, ma hanno bisogno di maggiore fiducia sul fatto che i loro investimenti siano in linea con gli obiettivi del brand.

Tre le conclusioni principali dello studio:

1. Click-through rate non è la metrica più efficace per misurare l’impatto del marchio, praticamente non esiste nessuna relazione tra i clicks e le metriche relative alla marca o alla vendita offline

2. Ci sono prove emergenti che le brand metrics di risposta alle campagne online sono correlati con l’impatto di vendita offline.

3. Le pubblicità online possono avere successo nell’indirizzare le strategie del brand, anche se il successo non è garantito e gli advertisers devono abbracciare nuove metriche sul branding online per avere reali vantaggi competitivi rispetto alla concorrenza.

Per il rapporto Reaching the Right Audiences Online: Early Findings from Nielsen Online Campaign Ratings completo clicca qui

Per il rapporto Beyond Clicks and Impressions: Examining the Relationship Between Online Advertising and Brand Building completo clicca qui

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*