Open data in Italia: il portale della PA, un concorso e qualche link

Non è passato neanche un anno dalla presentazione del Manifesto per l’Open Government all’Internet Governance Forum Italia e già qualcosa comincia a muoversi.

Al convegno di chiusura del Forum PA 2011 il Ministro per la Funzione Pubblica Renato Brunetta ha presentato il piano governativo per l’Open Government, i cui sviluppi si possono seguire con l’hashtag #opengovitalia su Twitter.

Tre le novità principali in arrivo per gli open data italiani:

  • un portale dove pubblicare e rintracciare i dati aperti
  • un vademecum con le linee guida per le Amministrazioni che vogliono liberare i propri
  • un concorso per sviluppatori che progettino “soluzioni utili e interessanti basate sull’utilizzo di dati pubblici, capaci di mostrare a tutta la società il valore del patrimonio informativo pubblico”

Come spiega Riccardo Luna di Wired su Repubblica “gli Open Data sono un presupposto essenziale della trasparenza e dell’efficienza della pubblica amministrazione ma sono anche un potentissimo attivatore della creatività dei singoli”.

Nell’intervista rilasciata a Luna Jonathan Gray, il coordinatore della Open Knowledge Foundation, aggiunge che “liberare i dati vuol dire rimuovere gli ostacoli che oggi impediscono ai cittadini di utilizzarli per creare del valore sociale – che sia un reportage, politiche basate sui fatti, servizi digitali o applicazioni”.

Nel Regno Unito queste potenzialità si sono concretizzate in iniziative come wheredoesmymoneygo della Open Knowledge Foundation e Openspending del Guardian, che dava spazio anche a una visualizzazione della spesa pubblica italiana.

Secondo McKinsey nella UE si potrebbero abbattere i costi della Pubblica Amministrazione del 20% e risparmiare fino a 300 miliardi di euro.

Ma qual è la disponibilità di dati attuale in Italia?

La mappa mondiale degli open data sites pubblicata dal governo americano cita solo i casi del Piemonte e di Udine, dimenticando Emilia Romagna, Firenze e Torino, ma anche privati come Enel.

Altri elenchi di risorse disponibili:

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*