I grandi investitori pubblicitari scappano dall’Italia

Nel 2011, secondo i dati Nielsen riportati dal Sole24ore, i big spender della pubblicità hanno abbandonato in misura massiccia l’Italia, dirottando i loro investimenti verso i mercati emergenti: Cina, India, Brasile e soprattutto Russia.

Paesi in cui il mercato pubblicitario registra ritmi di crescita vertiginosi (dal +7,5% di Brasile e Cina al 20% della Russia, passando per il +15,5 dell’India); mentre l’Italia, unica tra le grandi nazioni europee, registra una flessione del 3% tornando ai livelli del 2005.

Tuttavia, in quest’ennesima ecatombe della nostra economia, un segnale positivo c’è: il dinamismo dei numerosi brand italiani (come Poltrona Frau, Moncler, Max Mara o Richard Ginori) che si fanno valere nei mercati internazionali.

Emblematico il caso di Casta Diva, azienda d’abbigliamento che, con soli 30 dipendenti, fattura 18 milioni di euro esportando la sua creatività dalla Cina al Brasile.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*