Focus twitterpolitica #1csx2: Bersani metaforico e in ripresa sul web, Renzi meritocratico vince sui contenuti

Ieri è andato in onda il confronto televisivo tra i due finalisti alle primarie del centrosinistra. Già da una settimana Twitterpolitica fornisce dati in tempo reale sulle citazioni dei due candidati, degli hashtag ufficiali delle rispettive campagne e degli influencer più attivi. Abbiamo pubblicato un‘analisi sul primo confronto televisivo a SkyTg24 e un report dettagliato sul primo turno delle votazioni.

Oggi proponiamo un’analisi su #1csx2 e #csxrai, i due hashtag più utilizzati per parlare del dibattito tra Renzi e Bersani su Raiuno.

Quali sono i momenti più salienti e commentati del passaggio televisivo? Quali gli hashtag più utilizzati? Quali temi coinvolgono maggiormente il pubblico? Che forma ha la rete di amicizie e di influenza attraverso cui si propagano i messaggi su Twitter?

Dei 77660 tweet raccolti dalle 21 alle 24 del 8 novembre #1csx2 appare 61381 volte e #csxrai 35910. Ancora una volta, come accadde per #csxfactor e #ilconfrontoskytg24, si è affermato l’hashtag più corto, non brandizzato e proposto dal basso, e di nuovo ha scalato i trend topics mondiali.

MINUTO PER MINUTO

Analizziamo l’attività degli utenti minuto per minuto:

Timeline dei tweet minuto per minuto

Il primo picco di attività arriva alle 21:41, a proposito del Sud. L’approccio dei due candidati mostra differenze significative: come ha scritto @sergioragone Renzi parla “di sud” e attacca la logica clientelare delle “raccomandazioni”. Bersani invece parla “con il sud”, invocando la lotta alla mafia, definita “la più grande industria nel paese”, guadagnandosi i favori del web e l’appoggio di Saviano.

Renzi non tarda a recuperare sui temi successivi. Quando si parla di politica industriale mette a segno una delle sue battute migliori (“A parte Emilio Fede e la Santanché sono tutti delusi dal governo Berlusconi”), mentre sul finanziamento pubblico ai partiti pronuncia la frase che otterrà più retweet: “Soltanto una classe politica che fa tagli per se stessa è in diritto di tagliare per gli altri”.

Subito dopo Renzi attacca Bersani sul conflitto di interessi, il segretario del PD tentenna e usa una metafora infelice per dire che la legge va fatta: “non si mettono le dita nel naso”. E’ la prima gaffe che fa impazzire il web. Un parziale recupero avviene sul diritto allo studio:  “17mila ragazzi non possono studiare, perché non hanno i soldi. È una ferita grave alla loro dignità” è la citazione di Bersani più ritwittata, ma Renzi risponde con uno slogan altrettanto fortunato: “Portare il merito nella scuola e premiare gli insegnanti più bravi è di sinistra”.

Sui diritti civili (quote rosa e unioni gay) i due candidati convergono, sulle alleanze tornano a polemizzare: Renzi critica la frammentazione dell’Unione nel 2006 e ribadisce il suo no a Casini e i dubbi su Vendola, Bersani lo accusa di usare gli argomenti dell’avversario. Su questo tema il tweet più ripreso è di @zdizoro ed è critico verso Renzi: “Se Renzi pensa di essere circondato solo da entusiasti senza convenienza personale qualcuno lo svegliasse”.

Il messaggio conclusivo arriva sotto forma di scusa da rivolgere liberamente a qualcuno: le scuse di Bersani al suo parroco per lo sciopero dei chierichetti organizzato in età giovanile diventano immediatamente un tormentone del web, spesso accostate all’indicazione di Papa Giovanni Paolo come figura di riferimento nel precedente dibattito televisivo. Funzionano meglio le scuse di Renzi al fratello medico emigrato a lavorare negli USA per evitare possibile accuse di raccomandazioni: un cappello ideale ai vari interventi incentrati sulla meritocrazia.

CONTENUTI

Per un quadro di insieme dei messaggi che hanno stimolato di più le reazioni del pubblico prendiamo in considerazione i messaggi più ritwittati. Questa è la classifica dei primi 20:

Tweet N.Retweet
RT @matteorenzi: “Soltanto una classe politica che fa tagli per se stessa è in diritto di tagliare per gli altri” (staff) #csxrai #1csx2 592
RT @matteorenzi: “Bersani è stato al Governo 2547 giorni. Risultati?” (staff) #csxrai #1csx2 469
RT @zdizoro: Lo sciopero dei chierichetti a Bettola ha lasciato cicatrici mai più rimarginate #csxrai 356
RT @robertosaviano: #1csx2 si è parlato di mafie come prima azienda del Paese. Finalmente come priorità. Spero sia l’inizio di un nuovo approccio. 236
RT @zdizoro: Se Renzi pensa di essere circondato solo da entusiasti senza convenienza personale qualcuno lo svegliasse #csxrai 224
RT @fattoquotidiano: Poi vedi Meloni, Lupi e Santanché da Vespa e ti torna tanta voglia di sinistra. @domeniconaso #1csx2 #csx2 197
RT @matteorenzi: “Portare il merito nella scuola e premiare gli insegnanti più bravi è di sinistra” (staff) #csxrai #1csx2 173
RT @fattoquotidiano: Renzi sembra il ragazzino della Kinder. Bersani nonno Libero. (Naso) #1csx2 #csx2 155
RT @zdizoro: Decidere se allearsi con Casini o essere Casini. #csxrai 148
RT @mariocalabresi: #1csx2 Renzi senza giacca e con le maniche arrotolate in prima serata non si può vedere, sembra un concorrente di Affari Tuoi @La_StampaLive 145

Colpiscono due elementi:

  • la centralità di Renzi, sia in positivo che in negativo
  • il tono ironico dei messaggi più condivisi

In molti hanno apprezzato la ricchezza dei contenuti trattati durante il confronto. Se guardiamo la classifica degli hashtag più utilizzati difficilmente riusciamo a farci un’idea dei temi del discorso:

Gli hashtag più frequenti

La maggior parte delle parole sono scontate,  si riferiscono al confronto e ai suoi partecipanti, ci sono gli altri hashtag suggeriti per l’evento e poco utilizzati. Per trovare parole significative dobbiamo considerare queste prime come stopwords e scendere nelle frequenze della classifica fino a incontrare i temi veri e propri su cui si è svolto il confronto. Questa la cloud dei più citati:

La cloud degli hashtag

Due osservazioni:

  • il discorso sulle alleanze è fondamentale: Casini, Berlusconi, Pdl,Udc. Al Pd viene chiesta unanimemente una rottura forte con l’eredità del centrodestra. Su questo tema la posizione di Renzi è avvantaggiata
  • i temi sociali:  sud, mafia, scuola, lavoro, ilva, f35. Su questi temi le risposte moderate di Renzi collidono con una parte della tradizione di sinistra e risultano favorite le posizioni più classiche di Bersani

INFLUENCER

L’analisi di social network ci aiuta a comprendere come si propagano i messaggi attraverso citazioni e retweet, suggerisce legami di amicizia e di influenza tra nodi e gruppi di nodi, permette una cartografia della twittersfera specifica per questo argomento di conversazione.   Nel grafico compaiono gli utenti che vengono citati almeno da altri 20 utenti. La grandezza del nodo rispecchia il numero di utenti da cui sono citati. I collegamenti tra i nodi corrispondono alle citazioni, lo spessore aumenta con la frequenza delle citazioni.

La rete delle citazioni. Clicca sull'immagine per allargare

Alcune osservazioni:

  • la posizione di Bersani, come nelle rilevazioni passate, è leggermente più lontana dalla parte centrale del grafico. Molte delle citazioni provengono da associazioni di supporter
  • il gruppo di influencer più importante (che ruota intorno a @ilfattoquotidiano) è in una posizione distaccata dai due candidati (e spesso, come abbiamo visto nei retweet, anche critica)
  • il gruppo che ruota intorno a @lastampalive è molto attivo e inserito, specialmente @riotta
  • altri leader d’opinione che emergono dal grafico: @ivanscalfarotto, @andreasarubbi, @linkiesta, @smenichini, @giuliainnocenzi

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*