sempre più social e poco “stampata” (ma con alcune eccezioni): dove (non) va l’informazione?

Che l’informazione su carta stampata stia soffrendo a vantaggio di quella on line è cosa risaputa. I motivi sono tanti (real-time delle notizie, accessibilità dei contenuti, multicanalità, gratuità ecc), ma in che misura il web sta soppiantando la stampa? quali sono i canali on line in cui l’informazione ha un maggior seguito? come e dove resistono i giornali? Abbiamo confrontato i dati di diffusione stampa pubblicati da Ads Notizie, la digital audience di Audiweb , i fan di Facebook e i follower di Twitter di 10 testate nazionali (Corriere della Sera, Sole 24 Ore, Repubblica, La Stampa, L’Espresso, Panorama, La Gazzetta dello Sport, Il Messaggero, Libero, Il Fatto Quotidiano) per avere un quadro esaustivo su tutti i canali.

Per la diffusione stampa abbiamo preso in considerazione i dati dichiarati (DMS) di febbraio e marzo (aprile è ancora in corso di pubblicazione). Per i fan di Fb e i follower di Twitter abbiamo preso i dati degli ultimi tre mesi.

Confrontando i dati di diffusione della stampa e la digital audience, quello che salta agli occhi è la contrazione, più leggera sulla stampa e più marcata sul web, di quasi tutte le testate. Repubblica e Corriere della Sera sono alle prime 2 posizioni su entrambi i canali, con perdite pressoché equivalenti.

stampa

web

Uniche eccezioni le edizioni cartacee dei periodici L’Espresso (+8,8%) e Panorama  (+0,8%), entrambi in forte perdita d’audience sul web. E forse sono proprio gli approfondimenti e le inchieste giornalistiche, generalmente tipiche dei settimanali d’attualità, che spingono verso l’alto i due periodici e che mostrano come la carta stampata più ancora competere con il web su approfondimento della notizia e analisi giornalistica.

Diversa la situazione su Facebook e Twitter: la Repubblica è prima su entrambi i social, seguita su Twitter da La Gazzetta dello Sport e su Facebook dal Corriere della Sera. Terzo Il Fatto Quotidiano. Ma il dato più importante è l’aumento generale di fan su Facebook e follower su Twitter, con l’unica eccezione de La Gazzetta della Sport (-1,2% di fan).

facebook

twitter

Un aumento che fa riflettere perché mostra il ruolo sempre più centrale dei social network nella diffusione delle notizie.

C’è un differenza importante però: l’informazione sembra viaggiare più su Twitter che su Facebook: nonostante il bacino d’utenza di molto inferiore, Twitter mostra una percentuale di crescita più alta rispetto a Facebook.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*