#Regionali2015, la guerra degli hashtag e i supporter su Twitter

regionali-teaserPastorino in Liguria, Moretti in Veneto e Caldoro in Campania sono i campioni di Twitter alle regionali del 2015.

Diamo per superato l’equivoco che Twitter possa fungere da exit poll: l’esiguità della sua base utenti e le ambiguità dell’analisi del sentiment rendono ingenuo pensarlo. Ma Twitter è uno strumento irrinunciabile in campagna elettorale per coinvolgere media e sostenitori e come tale va utilizzato e misurato.

Abbiamo scelto quindi di concentrarci sugli hashtag ufficiali delle varie campagne: rispetto alle citazioni dei candidati presentano il vantaggio di esprimere performativamente un’adesione (almeno nella maggior parte dei casi!) e permettono di misurare il successo degli sforzi sui social media (ma anche quello di eventi e partecipazioni televisive) e identificare gli influencer che lo decretano.

Cominciamo dalla Liguria: qui il distacco dai sondaggi è evidente. Twitter sceglie Pastorino (#conpastorino), forte anche dell’appoggio di un tradizionale “favorito” del web come Civati (suo #raggiungopastorino). Toti (#cambiamoinsieme) e la candidata M5S Alice Salvatore (#riprendiamocilaliguria) sono ai margini, mentre la candidata del Pd Lella Paita non ha indicato un hashtag ufficiale e quello del suo slogan #laliguriavaveloce compare a malapena:

Fig. 1 – Il network delle citazioni in Liguria. I tweet raccolti partono dalle 17 del 18 maggio alle 12 di oggi. La grandezza dei nodi dipende dal numero di utenti che li citano. Per comparire nel grafico bisogna aver raccolto almeno 5 citazioni a testa. Lo spessore del collegamento tra i nodi esprime il numero di volte che un nodo cita l’altro. Cliccando su un nodo si può vedere chi cita e da chi viene citato.

In Veneto è Alessandra Moretti a primeggiare con #ilcoraggiodicambiare e #moretti2015 (non abbiamo preso in considerazione #bellaeforte in quanto hashtag nazionale non riconducibile a un singolo candidato), forte dell’appoggio del Presidente del Consiglio Renzi e di una compagine governativa in cui spiccano Roberta Pinotti, Marianna Madia e Debora Serracchiani.

Il Veneto è anche la Regione dove il M5S è più presente con il suo candidato Jacopo Berti e l’hashtag #tuttiuniti. Alla sua visibilità ha contribuito sicuramente la #Nottedellonestà, l’evento a Padova che ha visto la partecipazione del Deputato pentastellato Riccardo Fraccaro. Buono il risultato di Zaia (#scelgoZaia, essenziale l’appoggio di Salvini), mentre è quasi assente Tosi (#TosiPresidente e #SiamoconTosi).

Fig. 2 – Il network delle citazioni in Veneto

Concludiamo con la Campania: primo il candidato di Forza Italia Stefano Caldoro (#finalmenteilfuturo) che distacca di poco il candidato del Pd De Luca (#atestaalta). Caldoro può vantare una schiera di supporter mediamente noti (tra cui Mara Carfagna, Alessandra Mussolini e Fratelli D’Italia) mentre intorno a De Luca riconosciamo chiaramente solo il nodo del Presidente del Consiglio.

Buona performance anche per il candidato di SEL Salvatore Vozza (#orapuoiscegliere), meno per Valeria Ciarambino del M5S (con l’hashtag semiufficiale #ValeriaCiarambinoPresidente). Praticamente assente la lista MO’ Sud del giornalista Marco Esposito (#votiaMOlo).

Fig. 3 – Il network delle citazioni in Campania

2 Trackback & Pingback

  1. Regionali, ecco i candidati vincenti su Twitter | InfoNews24
  2. Regionali, ecco i candidati vincenti su Twitter - Newsportal24

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*