Eni replica live su Twitter al servizio registrato di Report: ecco la “social tv”

I fatti. Report dedica a Eni un servizio molto critico. Invitata a partecipare con interviste off, l’azienda si rifiuta. La trasmissione è registrata e nulla garantisce che le posizioni dell’Eni non vengano montate in modo parziale o tendenzioso. Va in onda il servizio. Eni replica punto per punto dall’esterno e in tempo reale, via twitter.

Il risultato: oltre 6mila  tweet collegati al servizio di Report tra l’inizio della trasmissione e le 10.00 di oggi.

Il fatto nuovo: di questi 6mila, 4mila sono tweet e rt che discutono non dell’argomento ma di questo rovesciamento del modello.  Eni replica live all’inchiesta di Report e direttori, comunicatori, giornalisti, esperti e digitali scendono in campo. L’obiettivo non è decretare il vincitore scegliendo tra la verità della trasmissione e quella dell’azienda petrolifera, ma discutere della cosa “strana” che sta avvenendo.  Nasce una nuova agorà. Allo spazio pubblico definito dall’audience televisiva se ne aggiunge un altro, parallelo, inedito, dinamico e capace di interazione bottom up.

La social tv avanza e spezza l’asimmetria tv – telespettatori. Il broadcasting unilaterale è proiettato in una logica bilaterale e reciproca. La comunicazione televisiva “differita” si stravolge in un confronto pubblico live e allargato. All’orizzonte c’è quello che Cristina Cenci ha felicemente definito “social fact checking”, il fact checking esercitato non, o non solo, da esperti ma da una intelligenza collettiva, diffusa e empirica.

Quasi il 70% dei tweet appoggia questa comunicazione social di Eni come sparigliamento delle carte. In molti giudicano la mossa geniale, interessante, da imitare, un ottimo esempio di reputation e crisis management. Tutti concordi nel definirla una innovazione forte, un caso di studio.

I tweet di Report (1445 rt), di Eni (844 rt) e di Marco Bardazzi (494 rt), direttore comunicazione esterna di Eni, sono i più retwittati mentre dalla piazza emergono gli interventi di Pier Luca Santoro (120 rt), Andrea Vianello (116 rt), Barbara Sgarzi (78 rt) e Stefano Menichini (77 rt). Tra i più influenti L’EgoDelGiornalista (162k follower), Andrea Vianello (104k) e Agenzia_Italia (100k).

eni vs report

 

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*