La visita di Renzi in Nord America: visibilità stampa/web con qualche picco e molti vuoti

39 articoli e 16.417 post tra il 17 e le ore 12 del 20 ottobre: questa l’attenzione della stampa e del web nord americani per la visita di Renzi e l’incontro Renzi e Obama.

I dati

  • 39 articoli sulla stampa. Copertura bassa e limitata ai principali quotidiani: ai primi posti The New York Times, The Washington Post e The Toronto Star (città con una grande e potente comunità di origine italiana)
  • 16.417 post sul web, quasi tutti dagli Stati Uniti: prevalgono le webnews (50%), seguite da Twitter (38%). Più marginali gli altri canali
  • nella distribuzione per stati colpiscono i vuoti, soprattutto sulla stampa: visibilità concentrata su pochissimi stati (soprattutto dell’Est, con la sola eccezione della California). Totalmente assenti gli stati centrali e larga parte del sud-est e sud-ovest
  • sul web copertura maggiore ma la distribuzione geografica è simile alla stampa (con l’eccezione del Texas): ad ovest la Cailfornia e ad est prevalgono New York, Washington/District of Columbia e alcuni stati del sud-est (Florida e Georgia). Assente tutta la fascia centrale degli USA
  • word cloud stampa: prevale da una parte  l’aspetto politico dell’incontro, compresi i riferimenti alle prossime elezioni americane (Trump, White House, State Department, Prime Minister); dall’altra quello più mondano (dinner, chef, Mario Batali, Versace, Gwen Stefani)
  • nella word cloud del web emerge con più forza l’interesse per l’evento in sè, ma è un interesse che tende al gossip:  l’aspetto politico-istituzionale non scompare, ma è più contenuto a vantaggio di quello ‘mondano’ (Agnese Landini, First lady, Versace)

Complessivamente i media e i new media americani hanno messo in rilievo, senza particolare enfasi, solo l’incontro con Obama: del tutto assenti i riferimenti all’intervento di Renzi alla Johns Hopkins University-SAIS di Washington DC e alla visita al cimitero di Arlington.

I vuoti di visibilità indicano quanto lavoro c’è da fare ancora per costruire nel Nord America una percezione e un interesse diffusi verso l’Italia. Di fatto c’è attenzione là dove ci sono forti nuclei italo-americani, e dove stanno le istituzioni.

Sulla visibilità globale del viaggio di Renzi in USA vedi questo post

infografica-renzi-usa-stampa-web

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*