Oltre 900 foto condivise su Instagram per la Notte dei Musei

Il 20 maggio è tornata a Roma la Notte dei Musei con il contest su Instagram #NDMroma17

ffff

 

Notte dei Musei. 60.000 persone hanno affollato i Musei Civici e gli altri spazi proposti da Roma Capitale il 20 maggio, in simultanea con altre 30 capitali europee (in totale oltre 3 milioni di visitatori).

L’evento ha permesso di vivere gli spazi d’arte in un’orario insolito, dalle 20 fino alle 2 di notte. Tutti i visitatori hanno anche potuto partecipare a un contest su Instagram condividendo una foto della serata con l’hashtag #NDMroma17

Le foto condivise al 22 maggio sono state 905, il 71% in più  rispetto all’anno scorso (528). Un progresso significativo, ma i numeri e il coinvolgimento rimangono ancora bassi.

Quasi 2.900 i post prodotti sui social e sul web dal 1 maggio, il 90,5% generati dai social media. Di questi 1576 su Twitter (54,5% del totale dei post), 905 su Instagram (31%) e solamente 145 su Facebook (5%), il social che ha funzionato peggio. Qualche dato di confronto: in Francia il solo account Twitter @NuitdesMusees ha registrato 10 862 tweet, 7 volte più che in Italia….

Da segnalare su Twitter @museiincomune: con 112 tweet è stato l’account a più alto tasso di attività, mentre la sindaca di Roma @virginiaraggi emerge come la top influencer grazie al suo ruolo.

Queste alcune delle foto più popolari:

Sta lì. Nè a destra nè a sinistra. Neanche in mezzo. Là. #streetlife #streetart #ndmroma17 #ovunque #artist #writer #girl #museum Un post condiviso da Alessio Centamori (@feebok) in data:

Busto di Commodo come Ercole, 180-193 d.C. Scultura in Marmo. “Il busto rappresenta uno dei capolavori più celebrati della ritrattistica romana e ritrae l’imperatore sotto le spoglie di Ercole, del quale ha adottato gli attributi: la pelle di leone sul capo, la clava nella mano destra, i pomi delle Esperidi nella sinistra a ricordo di alcune fatiche dell’eroe greco. Il busto, ben conservato, poggia su una complessa composizione allegorica: due Amazzoni inginocchiate (solo una è conservata) ai lati di un globo decorato con i simboli zodiacali, sorreggono cornucopie che si intrecciano intorno a una pelta, il caratteristico scudo delle Amazzoni. L’intento celebrativo che, con un linguaggio ricco di simboli, impone il culto divino dell’Imperatore è accentuato dalla presenza dei due Tritoni marini che fiancheggiano la figura centrale come segno di apoteosi. Il gruppo fu rinvenuto in una camera sotterranea del complesso degli Horti Lamiani segno, probabilmente, di un tentativo di occultamento. Un po’ lunghina, ma decisamente interessante Auguro un buon inizio di settimana a tutti #NDMroma17

Un post condiviso da Denise G. Corona (@denisegcorona_feliz) in data:

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*