Comunicazione: 14 le aziende certificate BIC 2020 “Best in Media Communication”

Sono 14 le aziende BIC – Best in media communication per il 2020. Enel la best performer, premi speciali a Eni, Vodafone Italia, Generali Italia, Poste Italiane, Msd Italia

Il sistema integrato di misurazione della comunicazione sui media, ideato da Eikon Strategic Consulting Italia e Fortune Italia, ha certificato AbbVie, Acea, Autogrill, Axa Italia, Enel, Eni, Generali, Generali Italia, Msd Italia, Open Fiber, Poste Italiane, Sace, Takeda, Vodafone Italia.

Tra loro, Enel è risultata la best performer.

Ha ottenuto la certificazione BIC il 74% delle aziende sottoposte all’audit. La valutazione è stata basata su una metodologia scientifica e su criteri oggettivi, derivati dall’esperienza pluriennale di Eikon e Fortune Italia nella misurazione delle performance. L’index, sviluppato da Eikon, ha integrato tre dimensioni chiave: la reputazione sui media (QVI – Quality Visibility Index), l’impatto del lavoro del team di comunicazione (MIA – Media Impact Assessment), il giudizio di addetti ai lavori e giornalisti (Media Poll).

Una giuria indipendente, composta da Ivan Dompé (Docente Luiss Business School), Gennaro Iasevoli (Prorettore Lumsa), Vittorio Meloni (Direttore generale Upa) e Fabio Insenga (Direttore Fortune), ha assegnato un premio speciale a cinque progetti di comunicazione: il piano di Eni per il supercalcolatore HPC5 (corporate); il piano di Vodafone Italia per il 5G (prodotto); il progetto ‘Ora di futuro’ di Generali Italia (sostenibilità); il piano di Poste Italiane per l’emergenza Coronavirus (CSR); il progetto ‘Spingersi oltre’ sul diabete di MSD Italia (healthcare).

I risultati dell’edizione 2020 di BIC – Best in Media Communication sono stati presentati durante un evento trasmesso sulla pagina Facebook e il canale LinkedIn di Fortune Italia. Rivedi qui l’evento.
È stata l’occasione per un confronto tra i responsabili della comunicazione e dei media delle aziende certificate su tre temi: ‘I progetti, come si centrano i target’; ‘La reputazione, come si costruisce e si difende’; ‘I numeri contano, la misurazione dei risultati’.

Best in Media Communication è nato per fronteggiare un evidente paradosso dell’era digitale: nel flusso inarrestabile di informazioni, in cui tutti possono parlare di tutto, coinvolgendo aziende, organizzazioni, manager, prodotti e servizi, non esisteva ancora nessuna certificazione e nessun premio per i Team di comunicazione che svolgono un lavoro sempre più decisivo. Il sistema integrato di audit consente di opporre l’autorevolezza dei numeri alla volubilità delle informazioni, interne ed esterne alle aziende.

bic

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*