Brand in Italia e Covid-19: Intesa, Mps e CDP i più citati online; bene AstraZeneca, Enel, Edison e Terna

Nella settimana, le maggiori positività sono veicolate da AstraZeneca, il brand che raccoglie i giudizi più positivi grazie alla notizia sulla possibile distribuzione subito dopo Natale del vaccino anti-covid sviluppato dall’azienda; le maggiori negatività si associano invece a FCA, per le polemiche sulla riconversione di alcuni stabilimenti alla produzione di mascherine, nonché per le dichiarazioni della Fiom Cgil sul possibile sblocco dei licenziamenti

In tutta Europa si susseguono le iniziative di governo per arginare il dilagare dei contagi da Covid-19 e il rischio di nuove preoccupanti situazioni emergenziali negli ospedali. Il tema pandemia rimane il tema chiave nel dibattito pubblico e nell’agenda del nostro Paese. Tutto questo si rispecchia naturalmente anche nel web. Continua, dunque, il nostro focus settimanale su aziende italiane e Covid-19: quali sono le novità nel periodo 12-18 ottobre 2020 rispetto ai brand italiani? Di chi si parla di più online quanto si tocca il tema pandemia?
Il monitoraggio di Eikon Strategic Consulting prende in esame 200 brand operanti sul territorio italiano secondo la classificazione R&S Mediobanca. L’analisi ha interessato oltre 2.500 conversazioni, il 92% dei post emerge su fonti web (testate online e blog) mentre l’8% dei contenuti è stato selezionato su Twitter.

1

In prima posizione nella classifica dei brand più citati in Italia questa settimana, c’è Intesa Sanpaolo, per più di una motivazione: il sostegno di alcune iniziative “covid-conscious” (live streaming di Digithon, Artissima), il digital tour di “Imprese Vincenti 2020”, lo studio sui bisogni delle PMI post-covid e il sostegno al Festival della Scienza Medica di Bologna. Seguono Monte dei Paschi di Siena, per la rimodulazione degli ingressi nelle filiali con lo scopo di limitare la diffusione del virus, e Cassa Depositi e Prestiti, con il supporto ad imprese e settori colpiti dalla pandemia (finanziamento da 5 milioni al Gruppo Proma).

intesa-sanpaolo

Dal punto di vista dell’interazione degli utenti, ovvero delle condivisioni generate su Facebook e su Twitter, qual è il brand italiano che, nel periodo considerato, ha generato maggioreengagement? Nella settimana 12-18 ottobre, al primo posto troviamo – con discreto distacco sulle altre aziende- AstraZeneca che risulta il brand in grado di generale il maggior engagement soprattutto per le indiscrezioni sui tempi per la distribuzione del vaccino anti-covid sviluppato dall’Azienda (subito dopo Natale). Segue FCA per i riferimenti alla conversione di alcuni stabilimenti in produzione di mascherine e ai dati delle immatricolazioni. Edison e Credem citate per lo studio Censis sull’bbligo della mascherina.

2

Qual è il brand che ha veicolato maggiore positività e quale quello che ha veicolato maggiore negatività nel periodo 12-18 ottobre 2020? È AstraZeneca il brand in grado di veicolare i giudizi più positivi grazie alla notizia sulla possibile distribuzione subito dopo Natale del vaccino anti-covid sviluppato dall’azienda. Al contrario, i giudizi maggiormente negativi del periodo esaminato si concentrano su FCA per le polemiche sulla riconversione di alcuni stabilimenti alla produzione di mascherine. Inoltre, pesano anche le dichiarazioni della segretaria della Fiom Cgil Francesca Re David sul possibile sblocco dei licenziamenti e le ripercussioni della crisi pandemica su processo di fusione con Psa.

3

Quali settori hanno veicolato maggiormente le conversazioni online nel periodo preso in esame dal nostro focus? Quali aziende hanno catalizzato l’attenzione nei diversi settori? Il maggior numero di citazioni viene veicolato dal settori Bancario (15,15%), Automotive (12,45%) e Industria (11,05%).

Schermata 2020-10-21 alle 10.30.23

Vediamo ora, settore per settore, i brand che si distinguono per numero di citazioni nel web, in riferimento al tema Covid-19. Nel settore Automotive troviamo FCA per i riferimenti alla conversione di alcuni stabilimenti per la produzione di mascherine; dati sulle immatricolazioni delle auto, in ripresa a settembre ma in forte calo nei 9 mesi del 2020 a causa della pandemia. Nel Bancario spiccano Cassa Depositi e Prestiti, Monte dei Paschi di Siena e Intesa Sanpaolo, rispettivamente: per il sostegno di CDP al Gruppo Proma; per la rimodulazione degli ingressi nelle filiali MPS per limitare il contagio da covid-19; digital tour di Intesa Sanpaolo “Imprese Vincenti 2020”, studio sui bisogni delle PMI post-covid, sostegno al Festival della Scienza Medica di Bologna. Nel settore Energia-Oil troviamo tre brand: Edison, Enel e Terna rispettivamente per le seguenti motivazioni: per il sostegno di Edison allo studio Censis sull’uso delle mascherine; per la partecipazione del responsabile Sostenibilità e Affari Istituzionali di Enel al convegno “Laudata Economia”; per i dati di Terna sul consumo di energia elettrica, risalito a settembre ai livelli pre-covid, dopo 6 mesi di forte contrazione per l’emergenza sanitaria. Nel settore Industria, invece, spicca Fincantieri, per i focolai nei cantieri di Sestri e Ancona: incontro in Regione Liguria con il Presidente Toti e il sindaco di Genova Bucci. Nel Pharma spicca AstraZeneca, per le motivazioni già citate in precedenza.

Schermata 2020-10-21 alle 09.51.14

Schermata 2020-10-21 alle 09.51.22

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*