Brand in Italia e Covid-19: FCA l’azienda più citata online, per AstraZeneca i giudizi più positivi. Bene anche Saipem e Poste

Nella settimana, è FCA l’azienda più citata online per i risultati in crescita nel terzo trimestre nonostante la pandemia. Le maggiori positività vengono capitalizzate da AstraZeneca grazie soprattutto alle indiscrezioni riportate dal Financial Times sulla “robusta risposta immunitaria” nella fase 3 della sperimentazione del vaccino anti-covid, anche negli anziani. Bene fanno le aziende come Poste Italiane e Saipem con iniziative di sostegno a favore delle risorse umane e dei clienti

 

Anche questa settimana abbiamo analizzato il tema Covid-19 in rapporto alle aziende: quali sono le novità nel periodo 26 ottobre – 1 novembre 2020 rispetto ai brand italiani? Di chi si parla di più online quanto si tocca il tema pandemia?
Il monitoraggio di Eikon Strategic Consulting prende in esame 200 brand operanti sul territorio italiano secondo la classificazione R&S Mediobanca. L’analisi ha interessato oltre 2.800 conversazioni, l’89% dei post emerge su fonti web (testate online e blog) mentre l’11% dei contenuti è stato selezionato su Twitter.

1

In prima posizione nella classifica dei brand più citati in Italia questa settimana, torna FCA, per la presentazione dei risultati del terzo trimestre, in crescita nonostante le difficoltà provocate dalla pandemia. A FCA si lega anche la notizia dei contagi da covid-19 negli stabilimenti di Termoli e Cassino. Segue AstraZeneca, per le news sul possibile arrivo del vaccino entro giugno e per le indiscrezioni diffuse dal Financial Times sui risultati incoraggianti dei test in fase 3, anche negli anziani. Al terzo posto troviamo ENI per l’effetto Covid sui conti dei primi nove mesi dell’anno.

FCA

Dal punto di vista dell’interazione degli utenti, ovvero delle condivisioni generate su Facebook e su Twitter, qual è il brand italiano che, nel periodo considerato, ha generato maggiore engagement? Nella settimana 26 ottobre – 1 novembre 2020, al primo posto troviamo FCA: molto riprese le notizie sui risultati trimestrali del Gruppo e sul processo di fusione con Psa. In evidenza anche l’allarme dei concessionari auto per l’effetto Covid sulle vendite, lanciato durante il Forum Automotive 2020.
Segue AstraZeneca con le rilevazioni del Financial Times sugli ottimi risultati in fase 3 della sperimentazione per il vaccino anti-covid.

2Qual è il brand che ha veicolato maggiore positività nel periodo 26 ottobre – 1 novembre 2020? È AstraZeneca il brand in grado di veicolare i giudizi più positivi grazie soprattutto alle indiscrezioni riportate dal Financial Times sulla “robusta risposta immunitaria” nella fase 3 della sperimentazione del vaccino anti-covid, anche negli anziani. Emergono anche le dichiarazioni di Piero Di Lorenzo, presidente dell’Irbm di Pomezia, sul possibile arrivo del vaccino entro giugno.

Al contrario, i giudizi maggiormente negativi del periodo esaminato si concentrano su Intesa Sanpaolo, Mediobanca ed Eni. I giudizi negativi sono legati prevalentemente ai forti ribassi dei principali titoli di Piazza Affari e delle borse europee, causati dai timori su imminenti nuove restrizioni per la pandemia. Tra i più penalizzati bancari e greggio. In particolare Eni risente anche delleffetto Covid sui risultati dei primi nove mesi.

3

Quali settori hanno veicolato maggiormente le conversazioni online nel periodo preso in esame dal nostro focus? Quali aziende hanno catalizzato l’attenzione nei diversi settori? Il maggior numero di citazioni viene veicolato soprattutto dal settore Automotive (16,63%), Bancario (14,41%) e Pharma (12,48%).

4

Vediamo ora, settore per settore, i brand che si distinguono per numero di citazioni nel web, in riferimento al tema Covid-19. Nel settore Automotive è FCA l’azienda più citata, per le motivazioni già analizzate in precedenza. Nel Bancario sono numerosi i brand più citati: Mediobanca, UniCredit e Intesa Sanpaolo, per l’andamento in borsa dei principali titoli bancari e l’effetto negativo causato dai timori di nuove restrizioni. Spazio anche nel settore Bancario per Poste Italiane per le iniziative del Gruppo a supporto delle fasce più deboli colpite dall’emergenza Covid: anticipato il pagamento delle pensioni di novembre; collaborazione con l’Arma dei Carabinieri per la consegna della pensione a domicilio agli over 75.
Nel settore Energia-Oil troviamo Eni e Saipem: la prima per l’impatto dell’emergenza Covid-19 sui risultati dei primi nove mesi; la seconda, per le dichiarazioni dell’AD Cao sulle misure messe in atto dall’azienda per la tutela delle proprie risorse umane. Nel Pharma, infine, spicca AstraZeneca, per le motivazioni già citate in precedenza.

5

6

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*